Alimentazione: arriva il glutine amico dei celiaci

Un gruppo di ricercatori del Cnr e del dipartimento di Scienze agrarie dell'Universita' di Foggia, ha scoperto recentemente un metodo per modificare le proteine del glutine, in modo da essere assimilato anche dai celiaci

WhatsApp Share

Un gruppo di ricercatori del dipartimento di Scienze agrarie dell’Università di Foggia, in collaborazione con il Cnr, ha scoperto recentemente un metodo per modificare le proteine del glutine nel frumento ed evitare la cosiddetta ‘cascata infiammatoria’, ossia l’effetto di cui risentono chi soffre di intolleranza al glutine. In questo modo gli alimenti fino ad oggi vietati ai celiaci potrebbero rientrare nuovamente nella loro dieta.

Pane, pizza, pasta sono solo gli alimenti che vengono subito alla mente quando si parla di celiachia. Il metodo scientifico utilizzato dai ricercatori, induce nelle proteine del glutine cambiamenti tali da interrompere le reazioni chimiche che causano la cosiddetta intolleranza. L’università ha già avviato contatti per la commercializzazione del brevetto anche a livello internazionale. I ricercatori aggiungono che il trattamento ‘non influenza negativamente le proprietà tecnologiche delle farine che formano l’impasto, permettendo, quindi, la preparazione di prodotti assimilabili per gusto ed aspetto a quelli comunemente utilizzati nell’alimentazione Mediterranea e destinati non solo alla fascia di popolazione affetta da intolleranza al glutine ma anche a tutta la restante popolazione’. Per maggiori informazioni è possibile consultare questo sito.

(ml)

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy