Cibo e umore

Quello che mangi influenza come ti senti, soprattutto se si tratta di zucchero

WhatsApp Share

Gli esperti concordano sul fatto che ridurre gli alimenti infiammatori è un modo infallibile per sentirsi meglio. Si tratta di un effetto domino: cibi sani migliorano la funzionalità fisica, che a sua volta favorisce la salute mentale. Tutto questo spinge le persone a essere più in forma e, quindi, a stare meglio.

Scienziati e nutrizionisti hanno evidenziato che il modo migliore per sconfiggere la depressione (e disturbi simili) è quello di stare attenti a quello che si mangia: secondo gli studi, un'alimentazione a basso contenuto di zuccheri e ricca di frutta e verdura fresca può aiutare a ridurre il rischio di depressione.

L'alimento più dannoso è lo zucchero, che incoraggia la crescita dei radicali liberi. Diversi studi hanno dimostrato che partecipa all'esordio della depressione, influenzando diversi processi chiave.

Uno dei più preoccupanti è il ruolo che ha nel sopprimere l'attività di un ormone della crescita del cervello chiamato “fattore neurotrofico derivato dal cervello” (BDNF). Quelli con bassi livelli di BDNF sono a maggior rischio di sviluppare sia la depressione che la schizofrenia.

Lo zucchero contribuisce anche alla resistenza all'insulina e alla leptina, che svolge anche un ruolo significativo nella salute mentale.

Ma quali sono le alternative allo zucchero? Sono tutte sane? Qui un articolo di approfondimento.