10 modi per evitare le abbuffate notturne

Molte persone mangiano a tarda notte, anche quando non sono affamate: non bisogna farlo perché vuol dire assumere più calorie del necessario e aumentare il proprio peso

WhatsApp Share

1. Identificare la causa
Molto spesso si mangia di notte come risultato di una assunzione limitata di cibo durante il giorno, altre volte si mangia per stare svegli, per abitudine o per noia; tuttavia ci sono anche dei collegamenti tra questa pratica e dei disturbi del comportamento alimentare che possono avere effetti negativi sulla salute. Quindi bisogna innanzitutto individuare la causa in modo da poter prendere le giuste misure per risolvere il problema.

2. Identificare l'innesco
Di solito, alla base di certi comportamenti sbagliati, c'è sempre un modello di eventi che si ripete, un innesco che fa scattare la reiterazione. E questo innesco può non essere la fame – che è di solito il motivo per cui si mangia . Quindi bisogna monitorare i propri atteggiamenti per capire meglio come evitarli.

3. Creare una routine
Strutturare gli orari del mangiare e del dormire può aiutare a separare le due attività e a rompere i cicli insalubri di comportamento, ristabilendo la normalità dell'avere fame solo durante il giorno.

4. Pianificare i pasti
Ci vogliono gli orari sia per i pasti che per gli spuntini (sani) in modo da ridurre le probabilità di mangiare d'impulso, di fare scelte alimentari sbagliate e di avere l'ansia di quanto si sta mangiando – mangiare poco durante tutto il giorno è un metodo per tenere a bada la fame.

5. Cercare il sostegno emotivo
Un professionista può essere sempre utile quando un comportamento diventa patologico.

6. Diminuire lo stress
Si sa che ansia e stress sono due dei motivi più comuni per cui la gente mangia quando non è affamata, ma è chiaro che utilizzare il cibo per frenare le proprie emozioni è una pessima idea. Si consigliano: esercizi di respirazione, meditazione, bagni caldi, yoga, ginnastica dolce e stretching.

7. Mangiare regolarmente durante il giorno
Mangiare ad intervalli pianificati per tutto il giorno, in linea con le abitudini alimentari «normali» può aiutare a mantenere la glicemia stabile, prevenendo le sensazioni di fame vorace, stanchezza e irritabilità.

8. Includere proteine ad ogni pasto
Le proteine frenano la fame e aiutano a sentirsi soddisfatti per tutta la giornata, riducendo le abbuffate notturne.

9. Non tenere in casa cibo spazzatura
Se non ci sono spuntini insani a portata di mano, ci sono molto meno probabilità di mangiarli.

10. Distrarti
Programmare attività serali mantiene la mente occupata e lontana dal cibo.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy