Il cacao aumenta i livelli di colesterolo "buono"

Secondo i ricercatori un po' di cioccolato al giorno ci fa bene. Ma non deve essere al latte o bianco

WhatsApp Share

Il cioccolato che fa bene è quello nero, le varianti al latte o bianco non sono la stessa cosa.

Mangiarne un pezzettino al giorno può aiutare a prevenire le malattie cardiache e aiutare chi soffre di diabete, riducendo i livelli di zucchero nel sangue e di insulina.

A diffondere le virtù del cacaco sono gli scienziati del Centre for Global Cardiometabolic Health della Brown University (Usa), che hanno pubblicato uno studio sulla rivista 'Journal of Nutrition', finanziato dall'American Heart Association, dal National Heart, Lung and Blood Institute e da un'azienda di dolciumi, mettendo anche in evidenza che il cacao aumenta i livelli di colesterolo 'buono' quando se ne consumano tra i 200 e i 600 milligrammi al giorno.

Nell'indagine, riportata dall'Adnkronos, gli esperti hanno esaminato la salute cardiometabolica di 1.139 volontari che hanno consumato flavanoli del cacao in 119 diversi trial. L'autore senior Simin Liu spiega: "La nostra meta-analisi evidenzia come i flavanoli del cacao influiscano sui biomarcatori cardiometabolici, fornendo una guida nella progettazione di futuri grandi studi per la prevenzione del diabete e delle malattie cardiovascolari", sfruttando le qualità del cioccolato.

Xiaochen Lin, che ha lavorato con Liu nello studio, ha aggiunto: "Abbiamo scoperto che l'assunzione di flavanoli del cacao può ridurre la dislipidemia, la resistenza all'insulina e l'infiammazione sistemica, che sono i principali fattori di rischio per le malattie subcliniche cardiometaboliche".

Lin però avverte: "I gruppi inclusi nella nostra meta-analisi erano composti principalmente da consumatori di cioccolato scuro. Di conseguenza i risultati non dovrebbero essere generalizzati per i diversi tipi di questo alimento, il contenuto di additivi e zucchero potrebbe essere sensibilmente superiore a quello del cioccolato fondente. Ora è tempo di organizzare grandi studi randomizzati a lungo termine, in grado di migliorare la nostra comprensione di come i benefici a breve termine dell'assunzione di cacao possano essere tradotti nella pratica clinica".

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy