Mangiare ‘gluten free’ significa mangiare dietetico?

Circa 600.000 famiglie mangiano ‘gluten free’ anche se non soffrono di intolleranze

WhatsApp Share

 

Mangiare alimenti ‘gluten free’ non vuol dire mangiare dietetico. E potrebbe anche far male.  ‘Un etto di pane senza glutine - afferma il nutrizionista Pietro Antonio Migliaccio - che viene sostituito con carboidrati e grassi ha le stesse calorie di uno che lo contiene, ma con una composizione in macronutrienti che, non essendo necessaria, potrebbe alterare le risposte metaboliche’

 

Ad acquistare prodotti celiaci, senza avere alcuna intolleranza, sono circa 600.000 famiglie, convinte di mangiare più dietetico. ‘La pasta - dichiara l'Aidepi - figura oramai da alcuni anni saldamente al terzo posto (dietro a pane/sostituti del pane e dolci) tra i prodotti gluten free più venduti nei due canali, con una quota che arriva a sfiorare il 20% del totale. E sottolinea che ‘la quantità e la qualità di glutine presente in una farina è un importante indice per valutarne la qualità e l'attitudine alla panificazione’. ‘Non ha assolutamente senso togliere il glutine dalla dieta per chi non soffre di celiachia o di particolare sensibilità al glutine (una particolare condizione di intolleranza non celiaca al glutine) - aggiunge il nutrizionista Andrea Ghiselli - Il glutine è una proteina presente in molti cereali che, come tutte le proteine, ha un forte potere saziante. Per cui, al contrario, può aiutare a perdere peso’.

gc