5 metodi per mitigare gli effetti negativi del caffè

Come evitare ansia, tachicardia e attacchi di panico indotti dal consumo di caffè?

WhatsApp Share

Per molti, anzi per quasi tutti, il caffè è un ingrediente immancabile per affrontare le giornate: aiuta il risveglio, conclude il pasto, ricarica le energie e diventa anche scusa per incontri e condivisione di momenti. Ma il caffè, è noto, induce anche nervosismo, ansia, tachicardie, certe volte perfino attacchi di panico. Come si può fare, allora, per non rinunciare ai benefici del caffè, evitando però le sue controindicazioni? Ecco 5 metodi per creare un rapporto sano con il consumo di caffeina.

Cercare di bere meno caffè possibile, l'ideale sarebbe una tazzina al giorno. La moderazione aiuta a mantenere a livelli minimi la dipendenza, le palpitazioni e l'irritabilità.

Berlo quando è molto caldo: le bevande calde, infatti, hanno un effetto calmante anche quando sono eccitanti. I liquidi a temperature alte aiutano a rilassare il sistema nervoso, mitigando così gli effetti ansiosi.

Bere il caffè nelle prime ore del giorno: una tazza la mattina, infatti, non incide troppo e aiuta la caffeina a limitare i suoi effetti collaterali. Cercare di non bere caffè dopo le 15:00 è un buon metodo per difendersi.

L'importanza dell'acqua, che aiuta a diluire la caffeina: bere un bicchiere d'acqua prima e dopo il caffè frena la possibilità di sviluppare ansia. Anche perché la disidratazione, intesa proprio come ammanco di acqua nel corpo, è una delle condizioneiche provocano ansia. Inoltre, il caffè è anche diuretico, quindi bisogna assicurarsi di rimanere idratati, soprattutto d'estate.

Integrare i minerali: la caffeina esaurisce il magnesio del corpo e siccome la produzione e la funzionalità della serotonina (che è l'ormone che gestisce il benessere chimico del cervello), dipendono dal magnesio, è importante integrarlo (va bene anche mangiare una banana o del cioccolato fondente, se non si vogliono prendere gli integratori). Oltretutto, il magnesio è conosciuto proprio per essere un antistress e un anti-ansia, quindi è proprio ottimale.

I fondi del caffè possono anche alimentare stufe e caldaie.