Cipolle: 5 diversi tipi e il loro utilizzo

Scopriamo i principali tipi di cipolla e come utilizzarli al meglio

WhatsApp Share

La cipolla è alla base di moltissimi piatti della dieta mediterranea; inoltre è un alimento molto sano e ricco di nutrienti. C'è addirittura chi lo mette nei calzini.

Ne esistono diversi tipi, vediamone cinque:

Cipolla rossa

Perfetta per essere mangiata cruda, è da mettere nelle insalate se vogliamo un sapore più deciso. Si utilizza anche per preparare le confetture. Attenzione al caldo: se la temperatura supera i 12 gradi inizia a germogliare.

Cipolla dorata e bianca

Sono quelle da utilizzare in cucina: brodi, minestroni, passati e soffritti non possono farne a meno. Meglio tenerle al buio e al fresco per evitare che germoglino. 

Cipollotti

Sono i bulbi delle cipolle non ancora maturi. Sono, come le cipolle, bianchi o rossi. Il sapore, rispetto alle cipolle, è più delicato e si sposano bene con le insalate o come condimento in generale. È più delicato della cipolla e per questo dura meno.

Scalogno

Lo scalogno è il 'punto d'incontro' tra l'aglio e la cipolla; è più aromatico della cipolla, ma meno intenso dell'aglio e per questo si può utilizzare anche crudo. Va conservato in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce solare.

Porro

Ha un sapore simile alla cipolla, ma più morbido e dolce. Posso usarlo sia crudo che cotto. Si utilizza la parte bianca e va tolta anche la piccola 'barba' che c'è in testa. 

Perfetto per zuppe, minestre e risotti. Si può mangiare anche crudo.

Ecco i nostri consigli per conservare al meglio aglio e cipolla.