Test su probiotici e kefir, ecco i risultati

Una valutazione positiva ha dimostrato che la maggior parte di queste bevande contiene quello che promette di contenere

WhatsApp Share

La mission di ConsumerLab.com è quella di analizzare la qualità dei prodotti nutrizionali e di salute attraverso dei test e poi pubblicare i risultati in modo che  possano essere raggiungibili da tutti. In questo caso la domanda alla base era sugli integratori probiotici e il kefir (una bevanda ottenuta dalla fermentazione del latte, contenente una grande quantità di fermenti lattici), quindi ConsumerLab.com li ha valutati e pubblicati sul suo sito.

Sono stati esaminati 40 integratori probiotici (di cui tre per animali domestici) e 3 bevande kefir.

Per quanto riguarda gli integratori probiotici, le forti vendite sono basate sulle loro componenti: molti studi hanno mostrato che, contenendo una varietà di batteri e/o lieviti potenzialmente utili, essi riducono il dolore addominale, abbassano le possibilità di sviluppare la diarrea come reazione associata all'uso degli antibiotici, riducono i sintomi del raffreddore e migliorano l'umore. I test di ConsumerLab.com hanno mostrato che la maggior parte dei probiotici conteneva davvero gli importi richiesti di organismi vitali (e viventi). Solo due di questi prodotti contenevano meno della metà degli importi indicati nell'etichetta e uno dei prodotti per animali domestici indicava una presenza così bassa di organismi al suo interno che sembra improbabile, già da quanto dichiarato, che apporti alcun tipo di beneficio. Inoltre, circa la metà dei prodotti che affermavano di essere senza glutine, lo erano davvero.

Per quanto riguarda il kefir, questa bevanda di latte fermentato – viene anche chiamata «yogurt liquido» (come consistenza è molto simile allo yogurt da bere) – è nota per contenere molti batteri probiotici, essere ricca di calcio e proteine come il latte e molto spesso fortificata con la vitamina D; inoltre è anche descritta come meno ricca di lattosio e quindi più indicata per le persone che sono intolleranti a questo zucchero del latte. I test di ConsumerLab.com hanno mostrato molta ricchezza nel contenimento dei probiotici, qualche imprecisione sulle percentuali di lattosio contenuto (tuttavia superabili), assenza totale di glutine e assenza totale di contaminazione da batteri patogeni. 

Oltre ai risultati del test, per chi volesse consultare il rapporto, vi è inclusa l'evidenza clinica riguardo ai probiotici, con informazioni sul dosaggio, la sicurezza e gli effetti collaterali –  tra cui le allergie.

E.C.