L’Italia diventa astemia? In 5 anni persi 2 milioni di consumatori bevande alcoliche secondo Federvini

Cala il consumo interno di alcolici (tranne quelli da aperitivo), ma l'export traina il settore vini

WhatsApp Share

In Italia si beve sempre meno: a dirlo è un nuovo studio realizzato da Nielsen per Federvini.

Nel quinquennio 2011-2015 il totale dei consumatori di bevande alcoliche è calato di 1,8 milioni. Si tratta di un 5% in meno.

Anche la frequenza delle bevute diminuisce: chi consuma alcolici lo fa in media 3,6 volte a settimana e non più 4.

Ma se i consumi interni sono in calo, i produttori di vino si consolano con l’export: lo scorso anno l’Italia ha esportato vini e mosti per 5,5 miliardi di euro (+4,8% sull’anno precedente). Parliamo di 21 milioni di ettolitri (-2,3%). Tr ai mercati esteri gli Stati Uniti sono quello extra Ue migliore con 1,2 miliardi di euro (+13,8%) e 3,2 miliardi di ettolitri (+6,6%).

Tra le bevande alcoliche che non alano troviamo Champagne, spumante, prosecco e aperitivi alcolici; sempre più consumati negli aperitivi fuori casa.

‘Sebbene le esportazioni abbiano indubbiamente rappresentato una valida boccata di ossigeno per l’intero settore, occorre ridare dignità al mercato interno e ai consumi domestici - spiega Sandro Boscaini, presidente di Federvini - e riconoscere alle produzioni di vini, di spiriti e di aceti un ruolo strategico nell’economia nazionale’.

 

Si parla sempre più di vino bio: le vendite sono in crescita, i grandi marchi si convertono e Vinitaly gli dedica un intero padiglione

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy