‘Non uso pesticidi per produrre vino’. E un uomo rischia la prigione in Francia

Un viticoltore che non vuole utilizzare pesticidi nella coltivazione delle sue viti rischia, in Francia, la prigione

WhatsApp Share

 

 

Emmanuel Giboulot ha scelto di produrre vino biologico e di dire no ai pesticidi, ma la cosa non piace ai francesi e rischia la prigione. Il produttore della Borgogna è stato convocato  dal tribunale di Digione in quanto si rifiuta di usare il pesticida per contrastare la flavescenza dorata, tipica malattia della vigna, reso obbligatorio da una norma locale. 

Per dare solidarieta’ al viticoltore è stata creata una petizione e una pagina Facebook. Mentre un pic-nic di protesta è previsto  davanti al tribunale. La sentenza dovrebbe arrivare nelle prossime settimane.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy