Boom di chioschi dell'acqua: grandi risultati per l'ambiente

L'acqua del Sindaco piace agli italiani e l'ambiente festeggia

WhatsApp Share

 

L'acqua del Sindaco piace agli italiani: costa davvero poco e fa bene all'ambiente. É anche buona: refrigerata e gasata. E, infatti, in soli 5 anni il numero di Casette dell'acqua sparse in tutta Italia è passato da 213 nel maggio 2010 a 1.300 oggi. E a queste si devono aggiungere le 22 che dissetano i visitatori di Expo.

A testimoniare quanto piace l'acqua del Sindaco è anche una ricerca Cra (Customized Research & Analysis) commissionata da Aqua Italia, l'associazione delle aziende costruttrici e produttrici di impianti per il trattamento delle acque primarie, in cui si evidenzia che i chioschi dell'acqua sono scelti anche quando sono a pagamento (anche se il costo è irrisorio). In media, infatti, si paga 5 centesimi al litro per l'acqua refrigerata e/o gasata, contro i 25 centesimi al litro (in media) per l'acqua in bottiglia. Cresce quindi, il consumo delle cassette d'acqua, soprattutto tra i giovani.

 

Indubbio il vantaggio per l'ambiente: valutando il prelievo annuo di 300.000 litri da un chiosco si risparmia 200.000 bottiglie PET da 1,5 litri; 60.000 kg di PET (30 grammi a bottiglia); 1.380 kg di CO2 per la produzione di PET; 7.800 kg di CO2 per il trasporto (stimando una media di 350 km).

gc