Treviso: nuovo allarme per inquinamento dell’acqua

Un nuovo allarme per acqua inquinata da mercurio interessa la zona di Treviso. Scatta il divieto di utilizzo ad uso umano

WhatsApp Share

 

A Treviso è allarme per l’inquinamento dell’acqua: sembra che l’oro blu sia nuovamente contaminato dal mercurio. In particolare, secondo le fonti l’inquinamento interessa una fascia di territorio larga oltre 2 chilometri e lunga 8 chilometri e mezzo. Il primo allarme era stato lanciato nel 2011: da oltre due anni il mercurio è penetrato nei pozzi di numerose abitazione tra Preganziol, Treviso e Casier,  ma ancora non sono state trovate cause e non sono state applicate soluzioni. 

L’inquinamento dell’acqua da mercurio interessa la risorsa idrica che proviene dal fondo dei pozzi e non vi sono problemi per le condutture: per risolvere il problema definitivamente basterebbe installare le tubazioni per l'acqua a partire dall'acquedotto. 

A causa dell’inquinamento dell’acqua le amministrazioni hanno vietato l’utilizzo della risorsa ad uso umano.  Il divieto riguarda quelle abitazioni e quegli edifici che attingono l'acqua da un pozzo ad una profondità compresa tra i 180 e i 300 metri.

gc

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy