Cosa sta facendo ammalare gli alberi in Europa?

Sembra sia l'inquinamento a causare questa tendenza allarmante alla malnutrizione della flora nel nostro continente

WhatsApp Share

Vi è stata una preoccupante diffusione di malnutrizione degli alberi in tutta Europa che ha reso molto vulnerabile la vegetazione, portandola a soffrire, e che – strano, no? – pare sia colpa nostra. 

Uno nuovo studio che copre 10 anni di ricerca, recentemente pubblicato sulla rivista «Nature», ha esaminato 13.000 campioni di suolo provenienti da 20 paesi europei. Da queste analisi, i ricercatori hanno concluso che molte comunità di funghi degli alberi (le micorrize), che forniscono nutrienti alle radici degli alberi con cui hanno un rapporto simbiotico mutuale e ne ricevono in cambio carbonio) sono stressati dall'inquinamento e che, anche se ormai sembra la conclusione un po' di tutto quello che diciamo (cosa che dovrebbe farci riflettere), dobbiamo seriamente pensare di abbassare i limiti attuali che abbiamo dato all'inquinamento, che potrebbero non essere abbastanza rigorosi.

Lo studio, condotto dall'Imperial College di Londra e dal Royal Botanic Gardens, Kew, ha appunto rilevato che sono l'aria e la qualità del suolo locali ad avere un grande impatto sui funghi micorrizici, che non potendo più passare all'albero azoto, fosforo, potassio e altri nutrienti provocano il malessere della pianta, la sua fame e quindi questa ondata di malnutrizione che ha investito gli alberi in tutta Europa, con le foglie scolorite e le chiome diradate. Insomma, da un rapporto mutuale si è passati a una specie di rapporto parassitario in cui è l'albero a rimetterci.

Per quanto siano risultati molto negativi, in prospettiva sono potenzialmente positivi, nel senso che perlomeno ci mettono davanti a un fatto, a una situazione che dobbiamo affrontare, inducendoci a procedere con studi, progetti, tentativi di soluzione. Quello che succede tra inquinamento, suolo, micorrize e alberi deve essere chiarito per poter innescare un cambiamento, quindi cerchiamo di farlo.