A Bari, seminario europeo sull'economia del mare

Il  20 e 21 novembre due giorni per discutere della strategia europea per lo sviluppo delle zone costiere e marittime

WhatsApp Share

 


Se ne parla ancora troppo poco, ma ha preso il via ieri a Bariuna due giorni tutta dedicata all'economia blu. L'economia legata al mare ha un peso di non poco conto in Europa: nell'Unione europea rappresenta 5,4 milioni di posti di lavoro e un valore aggiunto lordo di poco meno di 500 miliardi di euro l'anno. Dei 28 paesi dell'UE, ben 23 si affacciano sul mare e la linea costiera dell'Unione Europea è 7 volte più lunga di quella degli USA e 4 di più di quella della Russia.

L'Europa punta molto su questo settore in cui vede un motore per l’economia del continente, con enormi potenzialità per l’innovazione e la crescita, capace di contribuire al conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Per questo motivo, ad esempio, l'Unione Europea ha stabilito una strategia a lungo termine, denominata Blue Growth Initiative. La sfida infatti, che vede la comunità scientifica in primo piano, è coniugare le necessità ambientali con quelle delle persone, delle politiche territoriali e dell'economia.

Acquacoltura e turismo costiero e marittimo, energie rinnovabili e biotecnologie, risorse minerarie. Sono questi i cinque settori su cui l'Unione intende puntare per sostenere la cosiddetta “crescita blu”.

All'evento di Bari, intitolato “L'economia blu e i servizi di geoinformazione”, parteciperanno regioni ed enti locali da tutta Europa interessati al tema delle attività produttive legate al mare. Leggi il programma.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy