Amazon: dal 2030 metà delle spedizioni a emissioni zero

Un piano d'azione a base di veicoli a energia solare e imballaggi green

WhatsApp Share

 Si chiama “Shipment Zero” il piano di Amazon per potare almeno metà delle spedizioni mondiali a emissioni 0entro il 2030: un'impresa di portata storica, per l'azienda che ha incrementato gli enormi spostamenti logistici, dai produttori ai magazzini, dai magazzini ai consumatori.

La vocazione dell'azienda di Jeff Bezos, però, è green. L’obiettivo a lungo termine è infatti quello di essere trasparente, informando il pubblico sui progressi, e alimentare la propria infrastruttura solo con l’utilizzo di energie rinnovabili. Per questo, verranno impiegati 200 tra scienziati, ingegneri e product designer.

Amazon ha dichiarato che verranno utilizzati gli ultimi prototipi tecnologici in materia di veicoli elettrici, bio-combustibili per aeroplani, packaging riciclabili e energie rinnovabili, diminuendo gradualmente l'impronta globale di carbonio.

Oltre ad Amazon, altre aziende, come Google, la McDonalds, la Coca-Cola e la Starbucks, mirano a ridurre il loro impatto investendo nelle energie rinnovabili o attraverso l’eliminazione delle materie plastiche, il riciclaggio, l'uso di energia rinnovabile e il taglio delle emissioni.