Città Europee: meno 40% Co2 entro 2030

Un 'Patto sei sindaci' a favore dell'ambiente. Obiettivo? Tagliare il 40% delle emissioni di CO2 entro il 2030

WhatsApp Share

 

Le città d'Europa si impegnano a combattere i cambiamenti climatici e puntano a tagliare il 40% delle emissioni di CO2 entro il 2030. Tutto sarà reso ufficiale nella cerimonia del nuovo 'Patto dei sindaci' , prevista per il 15 ottobre a Bruxelles. Città ed enti locali di 42 Paesi hanno deciso, quindi, di impegnarsi a favore dell'ambiente. La buona notizia è che il record assoluto in termini di firmatari lo conquistano gli italiani (3.550), seguiti a grande distanza da spagnoli (1.455) e belgi (245). Che in Italia si potrà presto respirare aria migliore?

'Non bisogna fare una classifica fra le città firmatarie del Patto dei sindaci ed è precisamente questo il punto', afferma Frédéric Boyer, a capo dell'ufficio del Patto dei sindaci. Secondo Boyer 'sono tutte dei campioni, a modo loro, perché entrano in campo quando le nazioni falliscono, assumendosi l'impegno di target ambiziosi su base volontaria: questa è la vera forza del Patto dei sindaci'. L'importante è coinvolgere più enti locali possibili.

Al momento, l'impegno delle amministrazioni dovrebbe portare ad incassare un taglio di 189 milioni di tonnellate di CO2 per il 2020, più di quelle prodotte oggi dal Belgio e Lussemburgo, il che equivale ad un target del 28% di riduzione di CO2, ben oltre gli obiettivi fissati dall'Ue.

gc