Gli oceani sono seriamente a rischio ed è colpa nostra

I nostri ecosistemi oceanici sono delicati e hanno bisogno di molta attenzione per garantirsi un'adeguata sopravvivenza

WhatsApp Share

Il cambiamento climatico si sta facendo davvero sentire dagli oceani e da tutta la vita che accolgono: l'aumento delle temperature sta provocando il cambiamento delle proprietà fisiche e chimiche delle acque che coprono circa il 70% del nostro pianeta, causando un impatto ambientale davvero incredibile per le diverse creature che ci abitano.

Uno studio condotto presso la University of New South Wales in Australia ha rivelato che importanti ecosistemi sottomarini, come le foreste di alghe kelp, vengono compromessi dal fatto che la temperatura delle acque sia in aumento.

Queste grandi alghe di solito prosperano nelle acque con temperature moderate, per questo il fatto che gli oceani si stiano scaldando, le sta seriamente danneggiando e quel che è peggio è che le acque più calde hanno attirato pesci adatti a queste temperature che fanno veri e propri banchetti a base di alghe kelp. I ricercatori hanno condotto uno studio decennale sulle foreste di kelp al largo della costa nord vicino Coffs Harbour, nell'Australia sud-orientale, e, in questo arco di tempo, l'aumento di 0,6°C delle acque ha portato al boom di presenza di questi pesci mangia-alghe e le kelp sono completamente scomparse da tutti i loro luoghi di studio.

Questo arrancare delle foreste di alghe è una notizia molto cattiva per tutte le specie di animali marini che usano abitarle, come alcuni pesci, le aragoste e gli abaloni.
E tutto questo dipende da noi, dalla nostra industrializzazione e dal modo in cui viviamo, senza preoccuparci di quello che causiamo all'ambiente. Siccome, oramai, abbondano le campagne di informazione e le politiche che cercano di sensibilizzare le persone sulla situazione ambientale globale, si spera di invertire la corrente e di risolvere, a poco a poco, sempre più problematiche.

Ricordarlo una volta di più è bene perché bisogna cominciare ad avere consapevolezza di quanto l'ambiente che ci circonda vada protetto.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy