L'incredibile lavoro delle sequoie californiane

Gli studiosi rivelano che le sequoie della California immagazzinano più anidride carbonica di ogni altro albero – anche dopo la loro morte

WhatsApp Share

Gli alberi sono notoriamente nostri alleati nella lotta contro i cambiamenti climatici, ma a quanto pare una specie di un luogo particolare è molto più utile di tutte le altre. Dopo aver condotto una sessione di studi durata sette anni, i ricercatori hanno scoperto che la cattura e l'immagazzinamento dell'anidride carbonica per acro da parte delle foreste di sequoie della California è più alta rispetto a tutte le altre foreste.

Guidati da Robert Van Pelt della Humboldt State University gli studiosi hanno raccolto dati in 11 «foreste antiche», tra Jedediah Smith Redwoods State Park, nel nord dello California, e Landels-Hill Big Creek Reserve appena a sud di Big Sur. Anche gli scienziati della University of Washington e Save the Redwoods hanno contribuito alla ricerca – che è stata pubblicata online nel sulla rivista Forest Ecology and Management.

Misurando le biomasse nelle foreste e testando 11 campioni in un analizzatore che determinasse la quantità di carbonio presente, gli scienziati hanno fatto una scoperta sorprendente: in particolare alcuni immagazzinamenti delle foreste del Jedediah Smith Redwoods State Park arrivano a 2.600 tonnellate di carbonio per ettaro. Per dare la misura del grandissimo lavoro, basta confrontare questi numeri con quelli delle foreste di conifere del Pacifico nord-occidentale e le foreste di eucalipto australiane e della Tasmania che immagazzinano circa 1.000 tonnellate di carbonio.

Insomma, le torreggianti sequoie californiane sono alberi davvero speciali: non solo sopravvivono a eventi estremi (al fuoco o al vento che stacca le loro cime), catturano moltissimo carbonio e vivono per un tempo molto lungo – oltre 1.000 anni – ma, una volta morte, il loro legno massello – dove immagazzinano circa i due terzi del loro carbonio – continua a memorizzare carbonio ancora per centinaia di anni.
Tutti motivi in più per proteggerle, come dovremmo proteggere tutti gli alberi del mondo.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy