Lo smog accelera il declino cognitivo

Troppo smog nell’aria annebbia la mente degli adulti favorendo e accelerando il declino cognitivo

WhatsApp Share

 

Lo smog fa male ai polmoni, al cuore e al cervello. Troppo inquinamento dell’area annebbia la mente degli adulti favorendo e accelerando il declino cognitivo tipico dell'età anziana. A dirlo è uno studio apparso su The Journals of Gerontology Series e condotto da Jennifer Ailshire della University of Southern California a Los Angeles.

I ricercatori sono convinti che migliorare la qualità dell’aria può ridurre il declino cognitivo negli anziani. Gli esperti hanno considerato dati su 780 partecipanti di 55 anni o più anziani all'inizio dello studio. Le loro funzioni cognitive sono state misurate attraverso una serie di test di varo tipo (matematici, di memoria) e poi a ciascun soggetto è stato dato un punteggio per quantificare il suo grado di declino cognitivo sulla base degli errori commessi ai test. Quindi, i ricercatori hanno incrociato i dati con le informazioni sui livelli di inquinamento atmosferico nel quartiere di residenza di ciascun soggetto.

 

I risultati hanno mostrato che più inquinato era il quartiere di residenza di ciascuno, maggiore il numero di errori totalizzato ai test: con 15 microgrammi per metro cubo di aria il livello di errori dei partecipanti era una volta e mezzo maggiore di quello di coetanei residenti in zone non inquinate con non più di 5 microgrammi per metro cubo di aria di particolato.

gc