Troppo rumore…in Italia

L’Italia e’ un Paese rumoroso: lo sostiene l’Annuario Ispra, che sostiene che l’inquinamento acustico e’ uno dei maggiori problemi ambientali

WhatsApp Share

 

L’Italia è il Paese del rumore: l’inquinamento acustico è uno dei maggiori problemi ambientali per la metà dei comuni. A lanciare l’allarme è l’Annuario Ispra. ‘Il 42,6% delle sorgenti di rumore controllate nel 2012 ha presentato almeno un superamento dei limiti normativi evidenziando un problema di inquinamento acustico’, denuncia il rapporto.

 

Come arginare il problema dell’inquinamento acustico? Con la classificazione acustica, consiglia Ispra, che però deve essere approvata dai Comuni: ‘al 31 dicembre 2012 esisteva solo nel 51% dei centri abitati italiani. Le regioni con la percentuale di comuni a norma più elevata rimangono Marche e Toscana (97%), Valle d'Aosta (sale al 96%), Liguria (84%), Lombardia (sale all'83%), mentre quelle che registrano percentuali inferiori al 10% sono Abruzzo (7%), Sardegna (3%) e Sicilia (1%)". Dall'analisi si evince poi che la percentuale di popolazione residente in comuni che hanno approvato la classificazione acustica "è pari al 56,5%, con forte disomogeneità sul territorio nazionale’.

gc 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy