La barriera corallina è in via di estinzione

Per proteggere la barriera corallina, si dovrebbe fare a un ricorso legale per richiedere che venga trattata a livello legislativo come se fosse una specie in via di estinzione

WhatsApp Share

Evidentemente non è ancora abbastanza chiaro quanto sia urgente e pericolosa la situazione della Grande Barriera Corallina al largo della costa dell'Australia: sta morendo, anzi per metà è già morta, sbiancata a causa del riscaldamento globale, come racconta una recente ricerca pubblicata su «Nature». Dopo l'ondata di caldo record del 2016, i coralli hanno iniziato a morire sulle scogliere dove l'esposizione termica accumulata superava la soglia critica e i mesi a venire hanno peggiorato la situazione portando la barriera a un rapido declino. 

In pratica, questa ricerca peggiora di molto quelle che finora erano le previsioni degli scienziati riguardo la stabilità a lungo termine della barriera corallina. Per questo, i ricercatori chiedono agli amministratori di fornire alla Grande Barriera Corallina lo stesso tipo di protezione legislativa che si dà a una specie in via di estinzione. Molto spesso, infatti, quando una pianta o un animale sono sull'orlo dell'estinzione, viene loro garantita una protezione legale che ha lo scopo di proteggere non solo l'organismo in pericolo, ma anche il suo habitat – questo indipendentemente da ciò che provoca la situazione, se sono cause naturali o responsabilità umane.

Negli ultimi anni, i ricercatori dell'Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN) hanno iniziato a classificare interi ecosistemi del modo come se fossero specie, per aiutarne la protezione – sperano di completare la loro Lista rossa degli ecosistemi entro il 2025. Speriamo che vadano il più veloce possibile perché la barriera corallina, così come gli altri ecosistemi a rischio deve essere difesa.
Strenuamente.