Chi vigilerà sui reati ambientali? L'allarme delle associazioni

Incertezza sui ruoli del Corpo forestale dello stato e sulla Polizia provinciale

WhatsApp Share

Chi si deve occupare della tutela dell'ambiente? Mentre il futuro del Corpo forestale dello stato è incerto non si può più contare nemmeno sulla Polizia provinciale.

'La scelta del Governo di azzerare le funzioni di tutela ambientale delle polizie provinciali, mentre ancora non è chiaro il destino del Corpo Forestale dello Stato, per destinarne il personale preposto  a compiti di polizia municipale provocherebbe un crollo verticale della vigilanza e dei controlli e dunque un danno all'ambiente di grandi proporzioni, proprio quando la recente introduzione degli ecoreati comporterebbe un rafforzamento delle azioni di contrasto agli illeciti ambientali', questa è la posizione di 15 tra le maggiori associazioni ambientaliste (Accademia Kronos, Ambiente e Lavoro, AIIG, CAI, CTS, Federazione Pro Natura, FIAB, Greenpeace Italia, LAC, Legambiente, LIPU, Marevivo, Sigea, Touring Club Italiano, WWF) sul tema.

La critica fa riferimento al Decreto legge 78/2015 'Misure urgenti in materia di enti territoriali' che di fatto azzera il ruolo delle polizie provinciali. Le associaziono parlano di 'tagli lineari' e di 'gravissimo errore per la tutela dell'ambiente in Italia'.

Gli agenti provinciali negli anni avrebbero acquisito competenze in materia di  rifiuti, la difesa del suolo, la tutela della qualità dell’aria, l'inquinamento acustico e delle acque, la vigilanza su caccia e pesca, il contrasto al bracconaggio e la tutela della fauna selvatica e la mobilità di questi agenti verso comuni con piccoli vuoti d'organico lascerebbe un vuoto.

'Si tratta - spiegano gli ambientalisti - di funzioni essenziali e fortemente specializzate, che non troverebbero alcuna sostituzione e dunque resterebbero scoperte, con rischi ambientali davvero incalcolabili e persino risvolti di infrazione al diritto ambientale europeo, vista la sostanziale impossibilità di realizzare una soddisfacente vigilanza sulla corretta applicazione delle norme ambientali comunitarie.

a.po

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy