Food Ink., ora il cibo si stampa in 3D

Per tre giorni, apre a Londra il primo ristorante al mondo che sfrutta la stampa 3D in cucina

WhatsApp Share

Si possono definire di certo pasti futuristici quelli che sono stati serviti il 25, il 26 e il 27 luglio 2016 in un ristorante di Londra, Food Ink, che grazie a degli inchiostri alimentari, ha «stampato» il cibo che ha servito nella sua sala. Si è trattato del primo esperimento al mondo. Una specie di prototipo di rivoluzione alimentare, insomma: non si può definire altrimenti questa idea di creazioni culinarie che vengono presentate come una possibilità praticamente unica di esperienza gastronomica, dove la buona cucina incontra l'arte, la filosofia e le tecnologie del futuro. 

Si sono occupati della creazione del menu i Top Chef Antony Dobrzensky e Marcio Barradas, del famoso ristorante La Boscana: sono stati serviti nove diversi piatti, per un costo di 250 sterline (circa 300 euro) – usando hummus, mousse al cioccolato, purè di piselli, formaggio di capra, pasta della pizza e tutto ciò che poteva assumente la forma di un composto (fornito dalla società danese ByFlow

L'intera esperienza è stata trasmessa in diretta streaming, on-line – in modo che la gente potesse vedere i commensali, i piatti, le reazioni e tutto quanto c'era intorno a questa innovazione. E ce ne erano di cose da vedere, dato che si è pensato a tutto, persino al contorno – non come cibo, ma come contesto – e quindi anche le posate, i tavoli e le sedie sono stati stampati in 3D.

Il ristorante spera di ispirare conversazione sul futuro del cibo sostenibile, sulla nutrizione e sulla salute, nonché dimostrare come le tecnologie emergenti possono cambiare le nostre abitudini alimentari e culturali. Sicuramente sarà un'esperienza che verrà replicata e chi è interessato può prepararsi a qualche altro evento del genere, magari anche in Italia.

Chissà! Intanto, siamo in attesa.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy