Giugno mai così caldo dal 1800

Temperature infernali a causa di un monsone africano

WhatsApp Share

È stato il giugno più caldo della storia recente, un primato che si contende con il torrido 2003. Una sfida testa a testa che però lancia un messaggio chiaro: si tratta delle temperature più elevate registrate dal 1800.

Lo spiegano i dati allo studio dell'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isac-Cnr). “Se quello del 2017 non è il primo giugno più caldo dal 1800 è di sicuro il secondo", ha detto Bernardo Gozzini, direttore del consorzio Lamma (Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale) che riunisce Regione Toscana e Cnr.

"Sono ancora in corso i calcoli per valutare le differenze fra il giugno 2003 e quello 2017", ha detto ancora Gozzini. Il primo dato completo, relativo alla Toscana, pone il giugno 2017 al secondo posto, con valori medi delle temperature massime di 32,8 gradi contro quelle di 34 gradi del 2003.

L’estate 2003 era stata molto particolare a causa di un monsone africano, simile a quello responsabile del caldo di questi giorni ma molto più forte e persistente: "aveva infatti creato una situazione molto stabile su tutto il Mediterraneo, cominciata a fine maggio e perdurata per tre mesi", ha spiegato l'esperto. Anche nel giugno 2017 il monsone africano ha determinato una situazione di bassa pressione sull'Atlantico che richiamava aria calda da Marocco e Algeria verso l'Europa. Poi, però, è arrivata una perturbazione dall'Atlantico che ha riportato le temperature su valori normali.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy