Il 7% della popolazione ricca emette 50% emissioni mondiali

Il  7% più ricco della popolazione mondiale è responsabile per il 50% delle emissioni globali di CO2, il 50% più povero emette solo il 7% delle emissioni

WhatsApp Share

 

Un dato davvero inquietante: a produrre il 50% delle emissioni mondiali è il 7% della popolazione. La parte più ricca è quella che inquina di più. I dati emergono  dal rapporto di Oxfam 'Partire a pari merito: eliminare la disuguaglianza estrema per eliminare la povertà estrema':  ‘Il  7% più ricco della popolazione mondiale (mezzo miliardo di persone) è responsabile per il 50% delle emissioni globali di CO2; mentre il 50% più povero emette solo il 7% delle emissioni in tutto il mondo’.

Ma se è vero che sono i più ricchi ad inquinare di più, è vero anche che sono i poveri a pagare le conseguenze dei disastri ambientali.  ‘Il rischio non è equamente distribuito nella società: i soggetti più vulnerabili ed emarginati sono maggiormente colpiti dalle crisi e dalle calamità, aggravando ulteriormente la povertà - si legge nel report - nei Paesi a più alto grado di disuguaglianza economica la popolazione è più vulnerabile. La disuguaglianza tra i Paesi spiega perché l'81% delle vittime di disastri si trova in Paesi a reddito basso e medio-basso, anche se in questi Paesi si verificano soltanto il 33% dei disastri’.

‘La disuguaglianza danneggia l'ambiente: l'umanità usa il massimo possibile di risorse naturali’, prosegue il rapporto. Facciamo un esempio pratico: il 12% della popolazione globale consuma l'85% dell'acqua del Pianeta: vi è ‘un’ enorme disuguaglianza nella distribuzione di risorse naturali’ e il ‘deterioramento ambientale può essere attribuito a meno del 30% della popolazione mondiale. Il punto chiave sono i modelli di consumo dei ricchi’.

gc

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy