Il WWF celebra la giornata del Lupo: “Basta disinformazione”

“Convivere pacificamente con il lupo è possibile e ci riusciremo grazie al tuo sostegno!”, spiega il WWF

WhatsApp Share

Oggi, mercoledì 17 maggio, è il “Wolf Day”: il WWF ha deciso di ribattezzare così la giornata contro la disinformazione sul lupo, che si inserisce nella campagna #SOSLUPO attraverso la quale si stanno raccogliendo fondi per la salvaguardia di questo animale, attraverso l'SMS solidale 45524.

Ci sono troppi luoghi comuni e “fake news” che riguardano questo animale e che hanno contribuito a creare un’atmosfera ostile nei suoi confronti. Ma il lupo continua ad essere un grande patrimonio da tutelare.

La popolazione italiana di lupo, ricorda il WWF, è una sottospecie unica al mondo, Canis lupus italicus, come aveva già proposto il grande naturalista italiano Altobello nel 1921. In un nuovo studio appena pubblicato sulla prestigiosa rivista PLOS ONE, ricercatori di 9 Paesi europei hanno cercato di risalire alle origini dell'unicità del lupo italiano, scoprendo qualcosa di inatteso.

“Abbiamo studiato la variabilità genetica di centinaia di lupi provenienti da 5 diverse popolazioni europee - spiega Romolo Caniglia, genetista e coordinatore dello studio - e quello che è emerso è chiaro: il lupo italiano è nettamente distinto da tutti gli altri lupi d'Europa e del mondo, sia a livello di cromosomi autosomici, la maggior parte del DNA di un individuo, che a livello mitocondriale, ovvero il DNA ereditato per via materna”.

Attenti al lupo'? È una bufala. Guardiamo al lupo esaminando i fatti e senza lasciarci coinvolgere dalle leggende su questo animale.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy