L’ospedale Lipu assiste ogni anno oltre 5000 animali selvatici

Scopriamo il Centro di recupero della fauna selvatica della Lipu

WhatsApp Share

A Villa Borghese, vicino al Bioparco di Roma, c’è un “ospedale” speciale che cura gli animali selvatici e ogni anno ne assiste più di 5000. Stiamo parlando del Centro di recupero della fauna selvatica della Lipu (Lega italiana protezione uccelli). In maggior parte ricovera uccelli, come piccioni o rondini cadute dal nido, gabbiani, cornacchie, ghiandaie. Ma anche rapaci e altre specie protette, colpiti per gioco dai cacciatori e abbandonati a morire.

Il centro ospita anche mammiferi, ad esempio lupi e cinghiali intrappolati e feriti dai lacci dei bracconieri, cervi, volpi, scoiattoli, ghiri, porcospini, pipistrelli. Non mancano i rettili: qualche biscia schiacciata, ma anche testuggini, comprate come "giocattoli per i bambini" e poi, una volta cresciute, scaricate in qualche stagno.

Al Centro Lipu di Villa Borghese lavorano una responsabile e due operatori fissi, più due veterinari a chiamata e una cinquantina fra volontari e tirocinanti. "Il 90 per cento degli animali ce li portano i cittadini, che li ritrovano feriti o in difficoltà - racconta la responsabile della struttura, Francesca Manzia -. Il restante 10% li trovano le forze di polizia".

L’organizzazione ricalca quella di un ospedale: ci sono il pronto soccorso, gli ambulatori, la sala operatoria, le corsie di degenza.

La struttura ospita molti porcospini. "A Roma sono centinaia, la gente non li vede perché sono notturni - racconta la responsabile, Francesca Manzia, all’Ansa -. Entrano nei giardini a mangiare le crocchette di cani e gatti. Mangiano le lumache, e spesso rimangono intossicati dai lumachicidi".

Spesso gli animali si ammalano perché mangiano spazzatura o vegetali irrorati di diserbanti.

Nei racconti riportati dall’Ansa, la responsabile del centro si sofferma su un lupo salvato da una trappola: “Il laccio di acciaio gli piagava il ventre, quando ce l'hanno portato aveva la ferita coperta di larve di mosche. Gliele abbiamo levate una ad una. Una volta guarito, è stato riabilitato in un recinto della Forestale, poi liberato col radiocollare. Abbiamo visto che viaggiava moltissimo, segno che stava bene”.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy