Pet therapy: a Firenze il primo cane in psichiatria

L'iniziativa di pet therapy e' partita recentemente all'ospedale Santa Maria Annunziata di Firenze

WhatsApp Share

All’ospedale Santa Maria Annunziata di Firenze è partita recentemente l’iniziativa di pet therapy a sostegno dei pazienti con problemi di salute mentale. Il programma, in particolare, prevede di inserire Chanel, una femmina di pastore tedesco a pelo lungo di 3 anni, all’interno dell’ospedale, con l’obiettivo di mettere in relazione cinque pazienti del reparto psichiatrico con l’animale, attraverso giochi ed altre attività.

Il cane verrà quindi utilizzato per delle sessioni ‘mirate’ di pet therapy, con degli incontri (della durata di circa un’ora e mezza ciascuno) che si ripeteranno settimanalmente fino al prossimo 11 luglio, attraverso cui sarà possibile verificare gli eventuali benefici riscontrati nei pazienti. Oltre a Chanel, verrà inoltre impiegata anche Bella, una border collie di circa un anno.

L’iniziativa è stata appoggiata dal responsabile del Servizio psichiatrico di diagnosi e cura dell'ospedale dell'Annunziata, Dott. Stefano Castagnoli, il quale ha confermato gli effettivi progressi dei pazienti dopo l’avvio della pet therapy. ‘Attraverso il rapporto di giocosità che si instaura – sottolinea Castagnoli – viene migliorata la possibilità dei pazienti di entrare in contatto con una realtà vera che può essere amica e non minacciosa, favorendo in questo modo il loro processo di cura’.

(ml)

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy