Pipì in piscina? Un malcostume che ha dei rischi per la salute

Pipì in piscina? Non si tratta solo di maleducazione

WhatsApp Share

Nessuno lo ammette ma evidentemente alcuni la fanno: parliamo della pipì in piscina. Il punto non è solo la maleducazione perché il contatto fra la pipì e i disinfettanti usati per igienizzare l'acqua può scatenare una reazione chimica che libera sostanze irritanti per gli occhi e il respiro. Lo spiega Lindsay Blackstock, dottoranda di tossicologia analitica e ambientale dell'università dell'Alberta, in Canada.

"Le urine - spiegano i ricercatori - sono ricche di sostanze azotate come urea, ammoniaca, amminoacidi e creatinina. Reagendo con i tipici disinfettanti a base di cloro, possono formare composti detti Dbp. E l'esposizone ai Dbp volatili, in particolare alla tricloramina, nelle piscine coperte può causare irritazioni oculari e respiratorie. Fino all'asma occupazionale per chi negli impianti ci lavora.



 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy