Sviluppo sostenibile: le richieste del WWF all'UE

I leader mondiali a New York per fissare gli obiettivi dello sviluppo sostenibile

WhatsApp Share

Povertà, fame, ambiente, sono i grandi temi della modernità: ne discuteranno a New York questo fine settimana i leader mondiali per approvare gli 'Obiettivi di Sviluppo Sostenibile'.

In questo caso, rispetto agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio che vennero fissati nel 2000 e che coprivano i quindici anni successivi, questi nuovi obiettivi focalizzano l'attenzione sulle cause profonde della povertà, la disuguaglianza e il degrado ambientale e non solo sui sintomi.

'È la più grande assise di leader mondiali di sempre, poiché le sfide che abbiamo di fronte sono le più urgenti che mai',  ha dichiarato Yolanda Kakabadse, Presidente del WWF Internazionale. 'I paesi si riuniscono per riconoscere, finalmente, che la salute dell'economia, dell'ambiente delle persone sono fondamentalmente legati'.

Ci sono in ballo miliardi di dollari di finanziamenti, pubblici e privati, che vanno però spesi in modo intelligente. Ad esempio i sussidi ai combustibili fossili vanno dirottati verso le energie sostenibili. 'Si tratta di un accordo positivo, più completo di quanto ci saremmo potuti aspettare – ha detto Jolanda Kakabadse - , e ci dà speranza che si possano fare significativi e necessari cambiamenti per le persone e l’ambiente. Ponendo il ruolo centrale dei sistemi naturali nel sostenere il benessere umano, l'accordo indicherà chiaramente la strada verso una prosperità in accordo con la salute del nostro Pianeta'.

'Il WWF ha lavorato anni per assicurarsi che questo Piano comprenda alla fine gli elementi ambientali che gli conferiscono la migliore possibilità di successo perché i sistemi naturali costituiscono il capitale naturale di base per le nostre economie, per il ostro sviluppo e  per il nostro benessere, e quindi, per il nostro futuro – ha dichiarato Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF Italia - "Come network internazionale, continueremo ad impegnarci e a collaborare con governi, imprese e comunità affinché sia garantito il successo e l’implementazione del Piano'.

Ecco le richieste del WWF all'Unione europea

• Un coinvolgimento attivo per primo al vicepresidente Frans Timmermans, che ha ricevuto il mandato sullo sviluppo sostenibile, per trasformare i nuovi obiettivi globali in realtà, garantendo che tutte le politiche di sostegno non compromettano l'obiettivo integrato dello sviluppo sostenibile.

Insieme a centinaia di organizzazioni provenienti da tutta Europa e da molti settori diversi, il WWF ha scritto al vicepresidente Frans Timmermans chiedendogli di dar prova di leadership nel trasformare l'ambizione degli obiettivi  in una realtà nell'UE.

• Una strategia ambiziosa di lungo termine da parte della Commissione Europea per attuare gli obiettivi e i target  adottati a New York, in consultazione con le parti interessate, tra cui la società civile.

• Un pacchetto completo di economia circolare, di  vasta portata per il conseguimento nell’Agenda al 2013 in particolare per quanto riguarda i temi  del  consumo e delle produzione sostenibili.

• L’ allocazione delle risorse, pubbliche e private, nazionali e internazionali, da fare in un modo diverso e più efficace per eliminare le spese che attualmente promuovono lo sviluppo non sostenibile all'interno e all'esterno dell'UE. Ad esempio, in tutta l'Unione europea, la scala di sussidi ai combustibili fossili -  € 60 miliardi di 2011 - è di sei volte il livello di finanziamenti pubblici per il clima, € 9,5 miliardi impegnati nel 2013 dall'UE.

• La coerenza delle politiche UE per lo sviluppo sostenibile: le politiche dell'UE in settori quali il commercio, l'agricoltura, l'energia e gli investimenti, che incidono negativamente sulle persone e l'ambiente nei paesi in via di sviluppo, hanno bisogno di essere modificate in funzione del perseguimento reale degli OSS .

• Quasi il 40% del bilancio dell'UE è dedicato all'agricoltura, con l'allevamento industriale come settore principale. Attualmente i sussidi all'agricoltura contribuiscono in gran parte a pratiche dannose per l'ambiente e all'aumento dei costi con l’ inquinamento agricolo.

Si calcola che il degrado del suolo agricolo nella UE costi 38 miliardi di euro all'anno, e l'eccesso di azoto in acqua ha un valore di 320 miliardi all'anno, l'agricoltura è responsabile della metà. L'UE dovrebbe assicurare la piena coerenza delle sovvenzioni della Politica Agricola Comune con le politiche ambientali dell'UE e degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

L’adozione di importanti criteri di responsabilità sociale di impresa per le  imprese europee che operano all'interno e all'esterno dell'Unione europea: le attività delle imprese dell'UE all'estero, tra cui gli investimenti nelle industrie estrattive come la registrazione, l'estrazione mineraria e la pesca dovrebbero essere coerenti con i criteri di sostenibilità.