Sommersi dalla plastica: dagli anni ’50 ne abbiamo prodotto 9 miliardi di tonnellate

Il riciclo sposta in avanti il problema: prima o poi dovremo trovare il modo di smaltire la plastica

WhatsApp Share

La plastica è ovunque, soprattutto dove non dovrebbe essere: nei mari, nei parchi, sulle spiagge, o nelle discariche quando non viene riciclata. Dagli anni ’50 abbiamo fatto un uso intensivo della plastica e ora la natura ci presenta il conto.

Dagli anni Cinquanta, quando la plastica ha iniziato a far parte dei nostri consumi quotidiani, ne sono stati prodotti 9,1 milioni di tonnellate. Purtroppo quasi tutta è finita in discarica. Ecco come riciclare la plastica recuperata dall'oceano.

La plastica è stata utilizzata per imballare qualsiasi cosa e per questo la sua percentuale nei nostri rifiuti è salita dall'1% del 1960 ad oltre il 10% nel 2005, come spiegano gli esperti dell'università della California.

Uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances, presentato come "La prima analisi globale di tutte le plastiche prodotte”, spiega che circa 7 miliardi le tonnellate di rifiuti plastici generati al 2015. Di questi, il 9% è stato riciclato, il 12% incenerito e il 79% gettato in discarica o nell'ambiente. Il problema, come evidenziano gli esperti, non è solo la plastica che si accumula ovunque: la plastica incenerita produce emissioni negative per l'ambiente e la salute. Il riciclo sposta solo in avanti, ma non risolve, il problema del suo smaltimento futuro, anche se può ridurre la nuova produzione.

Se continueremo così, oltre 13 miliardi di tonnellate di rifiuti plastici finiranno nelle discariche e nell'ambiente entro il 2050.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy