Le mense scolastiche di Modena utilizzeranno solo stoviglie riutilizzabili e riciclabili, risparmiando 36,2 tonnellate di plastica all’anno

 

 

Cresce la percentuale di rifiuti destinati alla raccolta differenziata, ma tanti sono ancora gli errori. La ceramica non si butta nel vetro, gli scontrini non si buttano nella carta

 

In Sicilia e’ stato realizzato un ‘network Raee’, per la raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici: i commercianti saranno obbligati a ritirare l'elettrodomestico usato di chi ne compra uno nuovo

 

Per disfarsi dei rifiuti ingombranti a Roma e’ possibile rivolgersi ai centri di raccolta mobili, ai 13 centri di raccolta con sede fissa, ai centri di raccolta domenicale o al servizio di raccolta a domicilio

 

 

Kilometro Verde sara’ un centro integrato per il trattamento, recupero e valorizzazione degli scarti industriali e civili non pericolosi

 

Gli oggetti elettronici saranno presto biodegradabili: i cellulari e gli Mp3 si potranno disciogliere in acqua o in liquidi organici

 

La raccolta differenziata dell’umido fa crescere i propri numeri, con oltre 4,2 milioni di tonnellate raccolte nel 2010, ma viaggia a velocita’ diverse tra Nord e Sud

 

Da rifiuto alimenatare a materia plastica, detersivo per il bucato e prodotti per uso quotidiano: gli scarti alimentari si riciclano

 

 

Diminuisce la raccolta di rifiuti urbani e aumenta la raccolta differenziata. Il 33,4% dei rifiuti è destinato al riciclo: +2,7% al Centro, +1,6% al Nord e +1,2% al Sud

 

Cresce la produzione di rifiuti urbani, ma fortunatamente diminuisce il numero destinato alla discarica. A produrre piu’ rifiuti e’ l’Emilia Romagna

 

Roberto Prioreschi risponde alle domande si Ecoseven.net e ci consiglia come ridurre la produzione di rifiuti e quali Paesi l'Italia può prendere come esempio

 

Inaugurato Disitrat, l’impianto che rigenera i rifiuti industriali, per poi riutilizzarli nelle miniere tedesche o nella bonifica e la copertura delle discariche esaurite