La scoperta, fatta dagli studiosi dell’Università di Saint Louis nel Missouri, evidenzia che proprio la curcumina può rallentare i danni causati da una malattia epatica chiamata “del fegato grasso” o steatoepatite non alcolica.