Bimbi in vacanza? I pediatri: 'lasciateli liberi'

Anche i più piccoli hanno bisogno di un po' di libertà rigenterante

WhatsApp Share

Arriva il periodo delle vacanze anche per i più piccoli. Anche loro hanno il diritto di non avere ogni minuto organizzato, come spiegano gli esperti dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Vanno lasciati liberi, sia di divertirsi che di annoiarsi, in modo che possano gestire in autonomia i propri tempi.

Ricordiamoci che il sole è amico dei bimbi, ma solo dopo i 6 mesi.

Come spiega all'Adnkornos Cristiana De Ranieri, psicologa clinica del Bambino Gesù, i bimbi 'Arrivano da un periodo super impegnato, da settimane molto organizzate, scandite da ritmi serrati sia per la scuola sia per le varie attività come gli sport'. Proprio per questo, quando arrivano le tanto attese vacanze, i genitori 'dovrebbero allontanare l'ansia di riempire necessariamente il tempo dei propri figli con qualcosa da fare: dar loro la possibilità di gestirsi con maggiore autonomia, riposare, dormire, fare cose non organizzate, perdere un po’ di tempo in relax, talvolta anche annoiarsi, vuol dire restituirgli una dimensione che non conoscono più. E' un tempo ritrovato importante'.

Poi vanno seguite le normali regole di buon senso: attenzione all'idratazione, cappellino con visiera per proteggersi dal sole, crema solare e alimentazione sana. Il gelato? Concesso ogni tanto a merenda o a fine pasto, ma se i bimbi sono sovrappeso va preferita la frutta.

Ecco la lista delle migliori spiagge da frequentare se andate al mare con i bimbi