Salute e gusti dei bambini? Dipendono da quelli della mamma.

Fin dai primi attimi di vita abitudini e salute del nascituro dipendono dalle scelte della mamma

WhatsApp Share

Gli effetti - negativi - sul nascituro del junk food consumato dalla mamma durante la gravidanza e, viceversa gli effetti positivi del cibo sano. E ancora, come le abitudini alimentari della madre che influenzano i gusti del bimbo nel pancione: a sostenere che la salute - e i gusti culinari - dei bambini partono dal grembo materno sono diversi studi raccolti nel libro intitolato "How The Nine Months Before Birth Shape The Rest Of Our Lives" (Come i nove mesi prima della nascita possono formare il resto della tua vita).

Diversi gli studi raccolti nel volume di Annie Murphy Paul - riporta il DailyMail - che rivelano che i nove mesi passati nel grembo materno influenzano profondamente la salute del bambino e il suo benessere, anche nell’età adulta: molto di ciò che una donna incinta fa nella vita quotidiana - il cibo e le bevande che consuma, le emozioni e le tensioni che percepisce, l’esercizio che eventualmente svolge e anche il lavoro che fa - è in qualche modo condiviso con il bimbo ancora non nato.

Se la mamma mangia junk food, il bimbo cresce obeso. In un esperimento condotto sui topi e pubblicato sul British Journal of Nutrition, Stephanie Bayol e colleghi del Royal Veterinary College di Londra hanno scoperto che i figli di madri che erano state nutrite con cibo spazzatura durante la gestazione avevano il 95% di probabilità in più di mangiare più del necessario, consumando circa un quinto di calorie in più al giorno, rispetto ai figli di mamme che avevano mangiato in modo sano.

I gusti dei bambini si influenzano a partire dal pancione. In un esperimento effettuato nel Monell Chemical Senses Center di Philadelphia, a un gruppo di donne in gravidanza è stato chiesto di bere succo di carota durante il terzo trimestre di gravidanza, mentre a un altro gruppo di donne è stata somministrata semplice acqua: i ricercatori hanno poi rilevato che, all’età di sei mesi, ai bambini figli delle donne del primo gruppo il succo di carota mescolato con cereali piaceva molto di più.

I cibi che proteggono dal tumore la mamma proteggono anche il bambino. Test su topoline in stato di gravidanza alla Oregon State University (Stati Uniti) hanno dimostrato che la prole delle topoline che durante la gravidanza avevano mangiato composti anticancro derivati da crucifere come broccoli e cavoli avevano molte meno probabilità di sviluppare il cancro anche se esposta ad agenti cancerogeni.