E se il caffè aiutasse a combattere il cancro?

Una ricerca afferma che chi consuma caffè ha il 20% di possibilità in meno di ammalarsi di cancro al fegato

WhatsApp Share

I caffè con cui ci ricarichiamo, oltre ai loro benefici immediati sulla nostra energia e alle preoccupazioni che ci causano riguardo ai danni che possono provocare se eccediamo con la caffeina, potrebbero avere anche un nuovo e inaspettato ruolo: allontanare la forma più comune di cancro primario del fegato.

In un nuovo studio, pubblicato dai ricercatori delle università di Southampton e di Edimburgo, si sostiene che le persone che consumano almeno una tazza di caffè al giorno hanno un rischio del 20% più basso di sviluppare il cancro epatocellulare rispetto a quelli che si astengono – i bevitori più assidui possono far valere un vantaggio addirittura più grande: bevendo fino a cinque tazze al giorno si può arrivare a ridurre il rischio stesso della metà, a quanto dicono gli scienziati. Inoltre, pare che anche il caffè decaffeinato abbia un effetto protettivo, anche se minore e meno certo del caffè normale.

Ovviamente, nonostante abbiano annunciato il potenziale del caffè come abitudine positiva contro questo tipo di malattia, gli autori dello studio consigliano comunque cautela nella ricezione di questa informazione, visto che si necessita di ulteriori indagini su alcuni gruppi specifici in cui si dovrebbe evitare il consumo di caffè, come le donne in gravidanza, e visto che nessuno sano di mente consiglierebbe di cominciare a bere 5 tazze di caffè al giorno senza pensare ai danni che ne conseguirebbero.

Il punto dello studio è quello di essere arrivati a un collegamento tra le due condizioni, dopo l'analisi di dati provenienti da 26 studi che hanno coinvolto più di 2,25 milioni di partecipanti. Studi precedenti hanno dimostrato che l'aumento del consumo di caffè può proteggere contro la cirrosi epatica – che può svilupparsi per colpa di un elevato consumo di alcool – quindi ora il passo successivo di questo studio sono analisi randomizzate per indagare davvero l'efficacia del consumo di caffè per le persone a rischio di cancro al fegato.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy