I medici di famiglia preparano un libro per chiarire i dubbi sui vaccini

“Domande e risposte sui vaccini” sarà diffuso dai medici di base e dalle farmacie

WhatsApp Share

I vaccini sono un tema molto delicato ultimamente. Per questo, un opuscolo che conterrà molte “domande e risposte” sul tema, verrà distribuito negli studi dei medicidi famiglia e in 17 mila farmacie. L’obiettivo è sfatare i miti e chiarire i dubbi sui vaccini.

Sui vaccini c’è “un sovraccarico di informazioni fuorvianti, distorte, illusorie o in malafede”

È una iniziativa della Società Italiana di Medicina Generale (Simg) realizzata in collaborazione con Cittadinanzattiva e presentata oggi all'Istituto Superiore di Sanità (ISS). 

Conterranno le risposte ad alcune delle domande più frequenti sul tema: si possono vaccinare donne in gravidanza? I vaccini indeboliscono? Perché si continua a vaccinare per la polio?

"Nel nostro Paese - afferma Claudio Cricelli, presidente Simg - il numero di persone vaccinate sta calando. Le percentuali per molte gravi malattie sono scese sotto la soglia limite di sicurezza del 95%. Per la poliomielite, difterite e tetano è immunizzato solo il 93% dei bambini. Per quanto riguarda parotite, rosolia e morbillo siamo a meno dell'85%".

Il libro nasce dalla volontà di invertire questa tendenza fornendo uno strumento semplice, ma dai contenuti scientifici certificati. "I vaccini - sottolinea Tonino Aceti, coordinatore Tribunale per i Diritti del Malato-Cittadinanzattiva - sono un atto di responsabilità e, allo stesso tempo, un gesto di solidarietà rispetto agli altri.

“Domande e risposte sui vaccini” è disponibile anche online.