La povere di talco è cancerogena?

La condanna della Johnson & Johnson riapre il dibattito sulla pericolosità del talco

WhatsApp Share

Alcuni giorni fa, negli Stati Uniti, la Johnson & Johnson h pagato un risarcimento di 72 milioni di dollari alla famiglia di una donna deceduta a causa di cancro alle ovaie. 

Secondo i giudici, la causa sarebbe da cercarsi nei prodotti contenenti polvere di talco dell’azienda statunitense.

La tesi dell’accusa è molto diretta: Johnson & Johnson era a conoscenza dei possibili rischi legati all'utilizzo di prodotti contenenti talco per l'igiene intima, ma non ha avvisato i suoi clienti.

Quindi la polvere di talco, che deriva dall’omonimo minerale, è cancerogena? Le ricerche non indicano un responso chiaro.

Potrebbe, in line di principio, se utilizzato nell’igiene intima, arrivare fino alle ovaie e causare un’infiammazione; un’infiammazione è un fattore di rischio. Però è poco per stabilire un’equazione talco-tumore.

Secondo l’International Agency for Research on Cancer, agenzia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il talco (purché non contenga amianto!) se utilizzato nell’aera genitale ha un coefficiente di rischio ‘2B’. Cosa significa?

Per l’OMS rappresenta un agente per il quale esiste la possibilità di carcinogenicità per gli esseri umani ma non esistono prove sufficienti in merito.

Il primo ricercatore a ipotizzare questa relazione tra talco e tumore fu Daniel Cramer, epidemiologo della Harvard University, nel 1982; una tesi che ha portato avanti anche in studi più recenti.

Una delle difficoltà di questi studi è riuscire a stabilire con precisione frequenza e quantità d’uso dei prodotti incriminati. Servirebbero più studi che considerino uno spazio di tempo molto ampio con dei gruppi di controllo.

Quindi una risposta precisa non c’è ancora, nel dubbio possiamo anche farne a meno dato che non è fondamentale per garantire l’igiene.

Al nono posto tra le forme tumorali, il cancro alle ovaie miete vittime a tutte le età. Ecco i nostri consigli per prevenire il cancro alle ovaie.

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy