Mal di schiena, quando è il caso di andare dal medico?

Il mal di schiena può significare molte cose, da uno stato passeggero a un allarme tumore, facciamo chiarezza

WhatsApp Share

Tutti prima o poi andiamo incontro a dolori alla schiena: dalla stanchezza, alle malattie agli sforzi eccessivi le cause sono molte. Spesso il dolore scompare in poco tempo , ma se persiste non possiamo sottovalutarlo, soprattutto in una zona delicata e a rischio come la schiena. Vediamo alcuni casi:

Il dolore dura per un mese o più

Correte, o meglio, fatevi portare da un medico. Anche se non è un dolore persistente e va e viene; soprattutto se non riuscite a legarlo a qualche causa specifica, come un incidente. Anche perché più a lungo dura il male, più aumentano le possibilità che si aggravi la situazione.

Il dolore aumenta durante la notte

In questo caso, oltre a disturbare il sonno, e quindi provocare altri disturbi, potrebbe essere il segnale di problemi di salute più gravi come il cancro. 

Il dolore si accompagna ad altri sintomi

Uno dei casi peggiori è quando il mal di schiena si fa accompagnare da febbre alta, perdite di peso, incontinenza, dolori agli arti. Probabilmente siamo di fronte a qualche malanno serio. Ad esempio se avvertiamo un formicolio alle gambe potrebbe trattarsi di un problema legato alle terminazioni nervose, a un'ernia del disco o ad altri problemi legati alla spina dorsale. Invece un forte dolore nella parte bassa della schiena potrebbe essere legato a un'infezione ai reni.

Hai problemi da molto tempo

I medici spesso avvisano i pazienti che sono stati in cura per un tumore di tornare a farsi visitare immediatamente se avvertono dolore alla schiena. Spesso infatti significa che il tumore è in agguato o che si sta diffondendo alla spina dorsale. 
Inoltre, in caso di incidente, può succedere che il dolore si manifesti anche a qualche settimana di distanza e potrebbe andare in crescendo se non ci facciamo visitare.

E se il ma di schiena si associa all'insonnia forse è il caso che leggiate anche questo articolo.

a.po

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy