Qual è il rapporto tra contraccettivi e cancro?

Secondo un nuovo studio, i contraccettivi orali riducono il rischio di tumori ovarici ed endometriali

WhatsApp Share

A quanto pare, l'uso a lungo termine di contraccettivi orali riduce la possibilità di insorgenza di tumori ovarici ed endometriali. Lo dice un recente studio che afferma, inoltre, che l'effetto è particolarmente evidente nelle fumatrici, nelle persone obese e in quelle che fanno attività fisica raramente.

Anche studi precedenti avevano dimostrato questa associazione, soprattutto tra l'uso dei contraccettivi orali e il rischio ridotto di questi tumori nelle donne in postmenopausa; ma questo studio, in particolare, ha esaminato l'impatto dell'uso di questi metodi di prevenzione su vari fattori di salute e stile di vita – tra cui, appunto, il fumo, l'obesità e l'attività fisica.

Lo studio, pubblicato su JAMA Oncology, comprendeva 196.536 donne di età compresa tra i 50 e i 71 anni, più della metà delle quali aveva usato contraccettivi orali.
Rispetto a quelle che non avevano usato contraccettivi orali, quelle che li avevano usati per 10 anni o più avevano un rischio ridotto del 34% per il cancro dell'endometrio e addirittura una riduzione del 40% del rischio di carcinoma ovarico – in entrambi i casi, le riduzioni più forti si sono presentate tra le donne che erano fumatrici o obese all'inizio dello studio o che non si erano allenate regolarmente. Per quanto riguarda il rischio del tumore al colon-retto o al seno in post-menopausa, non sono stati riscontrati collegamenti o influenze con l'uso di contraccettivi.

L'autrice principale dello, Kara A. Michels, epidemiologa del National Cancer Institute, ha affermato che la maggior parte delle donne non pensa alla prevenzione del cancro quando inizia ad usare i contraccettivi orali, ma che questo studio mostra che dovrebbe.