Ridurre l'ansia grazie a un'intelligenza artificiale

Esiste un'intelligenza artificiale fa musica per ridurre l'ansia e migliorare le prestazioni del cervello

WhatsApp Share

Si chiama brain.fm, il sito che utilizza un'intelligenza artificiale (IA) per comporre musica e che è stato progettato per migliorare le prestazioni del cervello, ridurre l'insonnia, migliorare la messa a fuoco e alleviare l'ansia attraverso il «trascinamento neurale».

Fondato da Adam Hewett e Junaid Kalmadi, brain.fm si propone di modificare la nostra mente con il suono, o meglio: ricondizionare il nostro cervello attraverso la musica – una musica composta, per l'appunto, da una IA. Hewett ha descritto questo lavoro come una «stimolazione cerebrale uditiva», che è un meccanismo che si basa sulla alterazione delle onde cerebrali in risposta a una stimolazione acustica.

L'idea di base è che certi suoni evocano risposte molto specifiche nel cervello; in altre parole, l'ascolto di musica può alterare, o indurre, alcune oscillazioni neurali che poi possono raggiungere e risolvere una serie di problematiche, come ad esempio l'umore alterato o l'ansia.

I sostenitori del «trascinamento neurale» affermano che queste alterazioni acustiche indotte possono essere viste e analizzate tramite elettroencefalogramma (EEG) e infatti, Hewett e Kalmadi – che lavorano su questo tipo di terapie da 13 anni – hanno iniziato a collaborare con università e istituzioni per cercare di confermare questa teoria e innovarla ulteriormente.
Quello che fa brain.fm è offrire una gamma diversificata di canzoni, di quel genere che gli ascoltatori possono andare avanti ad ascoltare per ore senza provare monotonia: il sistema crea brani che incorporano efficacemente le varie componenti uditive che generano una risposta specifica nel cervello, in modo che siano anche piacevoli da ascoltare – che poi è la cosa più difficile (Kalmadi ha detto che l'IA ha «il cervello di uno scienziato e il cuore di un musicista»).

Quello del «trascinamento del cervello» è un settore emergente, ma la comunità scientifica sembra pervasa da un grande interesse nei suoi confronti.
Noi, intanto, possiamo fare un tentativo qui.