Sushi e sashimi: come capire se sono buoni

Ecco le prime cose da fare appena ci sediamo in un ristorante che offre pesce crudo

WhatsApp Share

Il pesce crudo cucinato secondo la tradizione giapponese spopola da qualche anno anche nel nostro paese. Si trovano molti ristoranti “all you can eat” che offrono prezzi estremamente competitivi per mangiare il pesce crudo. Ma bisogna fare attenzione: il pesce deve essere fresco, conservato e lavorato con la massima cura, altrimenti rischiamo di mettere a rischio la nostra salute. Ecco a cosa dobbiamo fare attenzione:

  • Ordinare il sashimi (solo pesce senza condimenti) è il test migliore per osservare la qualità del pesce crudo. Controllate che sia lucido, compatto e non abbia cattivo odore.
  • Il sushi vecchio ha un colorito opaco e anche il riso perde brillantezza. I chicchi inoltre si seccano e si compattano. Sono segnali che il piatto è stato preparato il giorno prima. Attenzione.
  • L’olfatto è un indicatore prezioso per farci capire lo stato di conservazione del pesce.
  • Dove viene preparato il pesce? È bene in vista? Il vetro e le superfici di lavoro devono essere perfettamente pulite. Ricordate anche che i capelli dello chef devono essere coperti.

Purtroppo il sushi è uno dei cibi da evitare durante la gravidanza.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy