I braccialetti conta-calorie non sono affidabili. Ecco perché

Non basiamo la nostra dieta sui braccialetti conta-calorie: non sono affidabili

WhatsApp Share

Non illudetevi di sapere quante calorie avete bruciato facendo attvità fisica guardando un braccialetto: potrebbe indicarvene troppe o troppo poche, in una forbice d'errore che può arrivare a 600 Kcal, abbastanza per rendere inaffidabile lo strumento.

Lo spiega uno studio condotto dal National Institute of Health and Nutrition di Tokyo, pubblicato su 'Jama Internal Medicine', ripreso da 'Humanitas Salute'.

La ricerca ha testato in maniera scientifica 12 braccialetti fitness; tutti i più venduti nel paese del sol levante sono stati presi in esame.

Il campione, ammettono gli stessi ricercatori, era abbastanza limitato: 19 adulti in salute tra i 21 e i 50 anni. I metodi utilizzati sono stati due: camera metabolica e somministrazione di acqua doppiamente marcata per effettuare il test delle urine

Lo studi ha rivelato gli errori dei braccialetti: in alcuni casi i valori erano sottostimati fino a 278 calorie, altre volte sovrastimati fino a 204. 

Confrontandoli con il test delle urine, la sottostima dei braccialetti stava tra le 69 e le 590 calorie in meno. 

Quindi per un uso di breve durata e improvvisato possono risultare fuorvianti e indicarci valori sballati che magari ci spingono a compiere delle scelte alimentari o sportive basate su dati non corrispondenti al reale consumo di calorie del nostro corpo.

Hai ricominciato a fare palestra, ma non sai cosa e quando mangiare dopo l'attività fisica? Scoprilo qui.

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy