Infarto: capire il pericolo con un mese d'anticipo. Ecco come

Il nostro corpo ci avvisa quando c'è qualcosa che non va, soprattutto se sta per arrivare un attacco di cuore

WhatsApp Share

Uno dei miglioi metodi per sopravvivere a un infarto è prevenirlo. Infatti, ascoltando il nostro corpo possiamo notare alcuni segnali che sono dei campanelli d'allarme.

Spesso l'infarto miocardico (al cuore) parte da una ostruzione coronarica: in pratica si blocca il flusso sanguigno diretto al cuore e la parte interessata, non ricevendo sangue, e quindi ossigeno, inizia a morire.

Ecco alcuni sintomi che potrebbero apparire anche mesi prima.

Sudori freddi e vertigini

La circolazione non funziona bene e anche il cervello ne risente. Un segnale assolutamente da non trascurare.

Dolori al petto

Quasi una pressione sul petto, molti tendono a far finta di nulla.

Debolezza

La debolezza potrebbe essere sempre legata a un cattiva circolazione.

Raffreddore e febbre

Molte persone colpite da infarto hanno rilevato questi sintomi poco prima dell'infarto.

Affaticamento

Un altro dei sintomi di una cattiva circolazione del sangue. Può significare che le tue arterie sono abbastanza occluse.

Fiato corto

Anche i polmoni soffrono per la cattiva circolazione. Se non arriva abbastanza sangue anche i polmoni non possono 'lavorare' a pieno regime.

Se avete dei dubbi consultate un medico; inoltre è bene mantenere una dieta povera di grassi, equilibrata e fare esercizio fisico.

E ricordate un'altra possibile causa: il divorzio mette sotto stress il cuore in tutti i sensi, aumenta il rischio di infarto, soprattutto per le donne.

a.po