Freddo e gelo? Attenzione al cuore

È il cuore a lavorare di più quando c’è freddo e gelo. I consigli degli esperti

WhatsApp Share

 

 

Ivan si abbatte sull’Italia: gelo e neve attanagliano quasi tutte le città della Penisola. E a far fatica a resistere al grande freddo è, soprattutto, il nostro cuore. A lanciare l’allarme è Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale: quando le temperature crollano ‘l'apparato cardiocircolatorio è costretto a lavorare di più, perché con l'esposizione alle temperature rigide l'organismo è come un motore che deve girare a un numero di giri superiore per produrre calore. Soprattutto nel caso di anziani e malati cronici, dunque, la cosa più importante è coprirsi bene e restare al caldo’.

‘La prima cosa che ci aspettiamo con l'arrivo dell'inverno vero - dice il medico - è che aumenti l'incidenza dell'influenza stagionale, finora bassa, e delle infezioni respiratorie parainfluenzali. In consiglio fondamentale, quindi, è assolutamente quello di tenere coperti nel modo opportuno, ma senza soffocare, bambini ed anziani. Questo per evitare non solo le malattie infettive, ma soprattutto le loro complicanze respiratorie e cardiovascolari’. E se uscire di casa è inevitabile, ‘la raccomandazione per tutti è di evitare forti sbalzi di temperatura’.

gc

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy