Salute: lo smog danneggia l'attivita' cognitiva del cervello

Uno studio di un team di ricercatori della University of Southern California di Los Angeles, ha recentemente dimostrato come lo smog sia in grado di accelerare il declino cognitivo del nostro cervello

WhatsApp Share

Smog e inquinamento urbano danneggiano le attività cognitive del nostro cervello. A dirlo è uno studio di un team di ricercatori della University of Southern California di Los Angeles, che ha analizzato il rapporto tra qualità dell’aria e funzionalità cerebrale.

Lo smog, in particolare, danneggerebbe la memoria del cervello, rendendo le persone meno lucide. Inoltre, si comprometterebbe anche la capacità di ragionamento con una conseguente accelerazione del declino cognitivo legato all’età.

La ricerca, nello specifico, è stata condotta su un campione di 780 persone con età compresa tra i 51 e i 97 anni. A queste persone sono stati consegnati particolari test cognitivi riguardanti quesiti matematici o più puramente di memoria. Alla fine della prova, è stato assegnato un punteggio complessivo in base alle risposte che date. In funzione delle risposte, si è poi misurato il declino cognitivo, (ossia il grado di buon funzionamento del cervello). In seguito, i dati raccolti sono stati messi a confronto con diverse zone caratterizzate da maggiore o minore inquinamento da smog. Più alto era l’indice di inquinamento nel quartiere di residenza degli adulti sottoposti al test, e maggiori sono stati gli errori riscontrati nelle prove cognitive. 

Un altro dato rilevante emerso dallo studio è stato quello riguardante il livello di pericolosità delle polveri sottili PM2.5 per il nostro cervello. Si tratta infatti di polveri in grado di penetrare più facilmente nell’organismo per via del loro diametro estremamente ridotto.

In generale, la ricerca ha dimostrato che l’esposizione per lunghi periodi all’inquinamento atmosferico, accelera e non di poco l’invecchiamento cerebrale. Oltre alla perdita di memoria e alla scarsa capacità di apprendimento, tra le conseguenze dei danni cerebrali causati dallo smog, si annoverano anche ansia e depressione.

Lo studio, coordinato dalla dalla dottoressa Jennifer Ailshire, è stato recentemente pubblicato sula rivista scientifica ‘The Journals of Gerontology Series’. Per maggiori informazioni è possibile fare riferimento a questo sito.

(ml)