Allergie, quali alberi evitare per non soffrire di rinite

Quali alberi e piante evitare per chi soffre di allergie? Le betulle e le graminacee sono i principali responsabili della rinite allergica, ma ci sono anche cipressi e pini e la famosa parietaria

WhatsApp Share

L’allergia mette Ko tantissime persone. E la primavera, puntualmente, diventa l’inizio di un nuovo tormento. Starnuti, lacrimazione e fastidioso prurito sono i sintomi delle allergie primaverili, o, tecnicamente, delle riniti allergiche. Ma quali sono le piante 'nemiche' della nostra salute?

Le allergie, infatti, vengono scatenate da pollini e alberi ben precisi. Gli alberi capaci di provocare una reazione allergica sono gli alberi ad impollinazione anemofila, ovvero l’impollinazione che avviene ad opera del vento. I loro fiori sono poco appariscenti e il loro polline è spesso invisibile ad occhio nudo.Tra gli alberi da evitare per non essere affetti da allergie primaverili ci sono la famiglia delle betulle e la famiglia delle corilacee. Provocano allergia anche i cipressi e i pini, il cui polline è nell’aria già a Gennaio-Febbraio. Fare attenzione anche alle graminacee e al castagno. La pianta che potrebbe provocare allergia anche nei primi mesi estivi è la parietaria.

Per attenuare i sintomi dell’allergia primaverile ricorrete ai rimedi naturali come la cipolla e la vasilina. Uno strato di vasilina nelle narici fa sì che il polline non arrivi nelle vie nasali. 

(GC)

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy