È finito il dentifricio? Ecco come lavarsi i denti comunque in modo naturale

Combattiamo i batteri in ogni caso, anche se abbiamo finito il dentifricio. Ecco come fare

WhatsApp Share

L'igiene orale è una pratica quotidiana; è importante lavare i denti dopo ogni pasto per tenere lontani i batteri che causano placca e tartaro e per mantenere le gengive sane.

E se non abbiamo il dentifricio? Se è finito o se vogliamo provare delle alternative naturali cosa possiamo utilizzare?

La soluzione più semplice è acqua e sale: facciamo bollire dell'acqua, basta un pentolino, e poi lasciamola raffreddare. A quel punto aggiungiamo un cucchiao di sale e mescoliamo il tutto fino a quando il sale si scioglie. Poi intingiamo lo spazzolino nella soluzione salina e laviamoci i denti come di consueto.

All'inizio il sale potrebbe avere un effetto sulla sensibilità dei nostri denti, ad esempio con delle bibite molto calde o molto fredde, dato il suo effetto sullo smalto, ma l'inconveniente durerà poco e sarà sopportabile.

Acqua e sale rappresenta anche un collutori naturale usato in molte parti del mondo: combatte i batteri del cavo orale e aiuta a rimuovere i residui di cibo che rimangono incastrati tra i denti.

Oltre a un buon dentifricio però bisogna conoscere la tecnica migliore per muovere lo spazzolino.

In alternativa possiamo aggiungere anche del bicarbonato agli ingredienti e creare una pasta che ricorda da vicino il dentifricio tradizionale.

Ci serviranno mezza tazza di bicarbonato, un cucchiaino di sale, acqua, ed eventualmente degli oli essenziali (poche gocce) per rendere profumato il nostro dentifricio. Con questi ingredienti dobbiamo creare una pasta densa che possiamo anche conservare e riutilizzare nei giorni seguenti.

E se cercate un'alternativa al dentifricio industriale anche l'olio di cocco potrebbe fare al caso vostro; ecco come realizzarlo.