Talassoterapia: un mare di benessere

Sole, acqua di mare, aria ricca di iodio. Ma anche alghe, sabbia e tanto relax. Sono questi gli elementi che rendono la talassoterapia una inesauribile fonte di benessere psicofisico. Per noi italiani, a portata di mano

WhatsApp Share

La talassoterapia non è solo mare, ma tutto quello che vive intorno ad esso e quindi, la passeggiata sulla battigia, il relax che ne deriva, il sole che preso nei modi e nei tempi giusti regala benessere. Tutto questo deriva dall’effetto combinato di tanti elementi: l’acqua di mare, il sole e il clima. E non è tutto, dal momento che le straordinarie proprietà dei  sali minerali di cui è particolarmente ricca l’acqua di mare, in aggiunta alle tante applicazioni che possono avere le alghe marine e ai tanti usi della sabbia, posso fare bene.

Ma vediamoli ad uno ad uno tutti questi elementi cha fanno della Talassoterapia un trattamento straordinario. L’acqua innanzi tutto, non per niente stiamo al mare,  è particolarmente benefica perché le sue particelle trasportano sodio e cloro, dalle particolari proprietà disinfettanti e battericide e iodio che riequilibra il metabolismo.
Il sale e, nello specifico,  gli oligoelementi e i sali minerali dell’acqua di mare che sono un vero toccasana per il nostro organismo dal momento che vengono assorbiti attraverso i pori dell’epidermide, favorendo la circolazione e l’eliminazione delle tossine.

La sabbia con la quale si possono fare degli scrub naturali, tecnica di esfoliazione e purificazione della pelle,  che eliminando le cellule morte favoriscono il rinnovarsi dell’epidermide. Inoltre, camminare scalzi sulla battigia, o immersi nell’acqua fino a metà polpaccio, aiuta a migliorare l’articolazione del piede e la circolazione agli arti inferiori.

Le alghe che svolgono un’azione idratante e disintossicante, sono di fatto degli antiossidanti naturali, e inoltre hanno effetti lipolitici sul tessuto adiposo.
L’acqua rappresenta il 60% del peso corporeo di un adulto, il 75% di quello di un neonato e il 50% di quello di un anziano. L’acqua è di fatto il mezzo di trasporto di tutte le sostanze nutritizie, e non solo, nel nostro corpo, e inoltre regola il Ph della pelle, è un termoregolatore dal momento che consente la sudorazione, lubrifica  muscoli e articolazioni, favorisce la digestione, smuove gli accumuli adiposi.
L’affinità tra sangue e acqua di mare è molto alta e infatti, in entrambi, si registra un’alta concentrazione  di cloruro di sodio. Oltre a ciò, il mare è particolarmente ricco di oligoelementi, praticamente tutti quelli noti in natura, specialmente il sodio e, anche se in minor quantità, il bromo e lo iodio, sali di magnesio, di calcio e di potassio.
sabbia


La presenza di tutti questi elementi contribuisce ad apportare notevoli  benefici al nostro corpo dal momento che tonifica, dona all’organismo una sferzata di vitalità, rende la pelle liscia, aiuta a recuperare la linea, previene molte malattie e combatte stress, tensioni e depressioni.
Infatti essa è antisettica dal momento che i suoi tanti minerali come il cloro, bromo e iodio hanno un potere disinfettante, inoltre potenziano l’azione di alcune proteine che agiscono proprio in modo antisettico. Infatti quasi tutti avranno notato che eventuali piccole lacerazioni o ferite della pelle migliorano e guariscono prima se entrano a contatto con l’acqua di mare. Ovviamente, stiamo parlando di acqua non inquinata, è ovvio, ma una precisazione era d’obbligo.

Stimola inoltre la produzione di immunoglobuline, le nostre principali armi di difesa contro le aggressioni da virus e germi oltre al fatto che, essendo particolarmente ricca di sale, bromo e iodio, provoca vasodilatazione e aiuta a sgonfiare i tessuti tanto è vero che è particolarmente contro cellulite, gambe gonfie e stanche e cattiva circolazione.
Inoltre, ha una proprietà del tutto particolare in quanto attraverso uno specifico processo di osmosi, cioè di scambio, l’acqua di mare si carica dei liquidi che ristagnano nell’organismo e cede a esso le proprie sostanze preziose, e questo fa sì che i bagni di mare sono ideali per chi soffre di cellulite edematosa e di gonfiori alle gambe.

La famosa aria di mare, poi: in pratica un miscuglio di tante microparticelle che andrebbero respirate per almeno 2 ore al giorno, passeggiando tranquillamente e in totale relax, sul bagnasciuga, aria marina che riattiva tutti gli scambi osmotici dell’organismo, sia a livello polmonare sia cutaneo, nei tessuti, come nei liquidi organici.
Una ossigenazione migliorata e accresciuta, unita ad un  apporto di elementi vitali e naturali di origine marina, migliora significativamente, stimolandolo,  il metabolismo di tutte quelle cellule del corpo che hanno un ricambio molto veloce come, appunto, quelle della pelle.
sole

Altro componente fondamentale della talassoterapia è il sole, che oltre a stimolare la produzione di vitamina D, vitamina indispensabile per la fissazione del calcio nelle ossa,  facilitano il rilascio delle endorfine, gli ormoni del benessere, che inducono all’ottimismo e al buonumore.
Ma attenzione, il sole va preso nei modi e nei tempi giusti, altrimenti si correrebbe il serio rischio di avere l’effetto contrario. Infatti, il sole in eccesso, secca la pelle, può provocare delle ustioni che potrebbero, a loro volta, provocare dei seri danni alla pelle e, per finire, accelera il processo d’invecchiamento e stimola la produzione di radicali liberi.
La talassoterapia è indicata per numerose patologie, tra le quali vanno citate le forme di artrosi nelle loro varie localizzazioni, ma anche malattie come quelle infiammatorie che riguardano i tendini, i muscoli e i nervi, le malattie delle vene e dell’apparato genitale femminile, alcuni disturbi della pelle e le infiammazioni delle prime vie respiratorie e alcune allergie. Al mare, ben  difficilmente i soggetti allergici avranno periodi di crisi.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy