La California è la patria degli edifici autosufficienti

Sacramento ha più Net Zero Energy Buildings di ogni città d'America

WhatsApp Share

È stata la Net Zero Energy Coalition a decretare il primato energetico della California, facendo un sondaggio, che era il primo tentativo di catalogare tutti gli edifici del Nord America autosufficienti (ovvero edifici il cui bilancio fra energia consumata ed energia prodotta è prossimo allo zero).

La California aveva annunciato proprio l'anno scorso la sua volontà di creare un mercato energetico autosufficiente, attraverso un piano che permetteva a tutte le nuove abitazioni di essere net zero energy buildings (NZEB) entro il 2020. La definizione di questo tipo di edifici richiede che il pareggiamento tra energia consumata e prodotta avvenga nel corso di un anno e di solito questo è reso possibile da un mix di generazione locale pulita e ad alta efficienza. 

In tutti gli Stati Uniti, ci sono quasi 6.800 unità abitative di questo tipo (tra le quali ci sono anche appartamenti e case unifamiliari) in circa 3.339 edifici e il risultato del sondaggio è stato che, in seconda posizione, dopo Sacramento – in testa con più di 925 unità abitative NZEB e con altre 800 previste – c'è un'altra città californiana, Davis, con poco meno di 900 edifici di questo tipo.

La California, quindi, conferma di essere – e lo è da tempo – in prima linea per aumentare gli standard di efficienza energetica, e poiché gran parte dello Stato ha un clima relativamente mite, si può dire che la California è un leader naturale in questo campo. Adesso, anche il Massachusetts sta investendo in studi di fattibilità per gli edifici autosufficienti.

Il problema è che le cifre assolute diventano piccole se le si guarda a livello globale: il numero totale di unità abitative NZEB è pari a circa l'1% delle case in costruzione del 2014. Inoltre, praticamente la maggior parte degli edifici autosufficienti è di nuova costruzione, ma almeno la metà di quelli che saranno in uso nel 2050 è fatta di edifici che sono stati già costruiti, quindi questo non fa ben sperare per quanto riguarda un aumento significativo di quella percentuale. 

La nuova legislazione in materia dovrà quindi agire con regole più stringenti anche sul parco immobiliare già esistente, come ha fatto la California con la sua proposta di raddoppiare l'efficienza energetica negli edifici già costruiti.

È una sfida importante, insomma, ma visto il grande sostegno raccolto da questo tipo di abitazioni verdi, non c'è motivo per non giocarla.